Archivio mensile:dicembre 2016

Forse lo si comincia a capire

Anche questa domenica è iniziata presto, sull’onda delle emozioni non ancora placate della serata sportiva di ieri. La Juventus ha mandato un altro grande segnale di forza, solidità e fame alle possibili inseguitrici. La più vicina, la Roma, è stata rispedita a -7. Dimostrandogli, ancora una volta sul campo, come e perchè la Juventus continua a vincere e loro a perdere. E stavolta, leggendo i commenti di fine partita dei giallorossi, qualche giocatore e l’allenatore hanno finalmente sostituito il solito stucchevole piagnisteo alla ricerca dei soliti improbabili alibi, per ammettere che “la Juventus ha una mentalità vincente, superiore alla nostra”. Perchè, se ci fosse qualcuno che non lo ha ancora capito, la Juve, che certo vince anche per i suoi campioni (vedi il gol decisivo di Higuain di ieri sera), la sua popolatissima collezione di trofei la deve soprattutto a quanto sintetizzato molto bene dal presidente Andrea Agnelli nella recente cena di Natale:

“Abbiamo tutte le forze che giocano contro di noi, il principio è che non importa chi vince, l’importante è che non vinca la Juve: questo è l’ambiente che è intorno a noi. Alla gente interessa soltanto che non vinca la Juve e a noi non spetta altro che smertirli. Noi vogliamo continuare a vincere perché noi esistiamo per vincere”

Spero che queste parole aiutino la Juventus F.C. a continuare veramente, e non solo per formalità, la battaglia per riportare a casa i due scudetti e la dignità (oltre ovviamente al danno economico) che l’assurda vicenda del 2006 ci ha sottratto. Perchè è esattamente quell’ambiente circostante descritto benissimo da Andrea Agnelli (unitamente alle beghe familiari Agnelli-Elkan) che ha prodotto la vergognosa caccia alle streghe andata in scena in quell’estate di 10 anni fa.

Aleppo, la sofferenza umana come unica certezza

L’ottimo Comune-info.net pubblica oggi un appassionato intervento sulla recente caduta (in realtà ancora in corso nelle sue ultime atrocità) di Aleppo. Finito l’articolo, leggo i primi tre commenti in calce e mi riportano subito all’intenso dibattito che, per tutta la lunga durata del conflitto siriano, è riuscito a dimostrare inequivocabilmente due cose:

  1. la crescente difficoltà (impossibilità?), in un mondo sempre più complesso e brutalmente contraddittorio, anche solo di provare a comprendere le molteplici ragioni in campo, inestricabilmente confuse con i relativi molteplici interessi in campo;
  2. l’unica raccapricciante certezza rimarrà l’ammasso di dolore umano che quelle contraddizioni politiche, mischiate con quegli interessi, hanno prodotto (e purtroppo produrranno) sulle vite dei siriani e non solo. Su quelle vite che dal conflitto sono state ( e saranno) divorate, umiliate, stuprate, torturate, terrorizzate, esiliate.